Integrazioni e modifiche al regolamento

Discussioni che riguardano il regolamento

Moderatore: Custodi

Rispondi
Avatar utente
Trizio
Gran Maestro
Gran Maestro
Messaggi: 2733
Località: Prato
Contatta:

Integrazioni e modifiche al regolamento

Messaggio da Trizio » lunedì 19 gennaio 2009, 23:25

INTEGRAZIONI E MODIFICHE REGOLAMENTO

Quanto segue va a chiarire, integrare o sostituire alcune parti del regolamento di Clavisomni. In attesa della versione 2.0 del regolamento, che vedrà tutto correttamente integrato.



SISTEMA COMBATTIMENTO

Il sistema combattimento adesso prevede la dichiarazione del danno, per qualsiasi tipo di arma e per qualsiasi tipi di quantità di danno che fa l'arma. Quindi dalla armi bianche alle pistole si dichiara il colpo quando di colpisce o si spara. Se il danno non è dichiarato di considera inefficace oppure un colpo andato a vuoto.

Le dichiarazioni, come già indica il regolamento sono:

Un danno: Enas

Due danni: Duo

Tre danni: Tria



Esempi di quantificazione danni:

Pistole: Enas
Fucili: Duo
Armi bianche piccole(pugnali e simili): Enas
Armi bianche medie(asce, spade e simili): Duo
Armi contundenti medie (randelli, bastoni e simili): Enas (vedi il regolamento per la corretta applicazione di questi danni)
Armi contundenti grandi (travi di legno, spranghe e simili): Duo



ALTRI TIPI DI DANNI

Fuoco, freddo, acido ed elettrico

Questo tipo di danni si dichiara con la tipologia e la quantificazione.
In questo caso però l’Enas non si dichiara, ma si considera sufficiente il la dichiarazione della tipologia di danno(vedi regolamento), che, se non seguita dalla quantificazione, sta per Enas (ovvero danno di I° grado)
per cui si dichiara:

Fuoco: Piros che sta per Piros Enas

Freddo: Krio che sta per Krio Enas

Acido: Oxu che sta per Oxu Enas

Elettrico: Astrapé che sta per Astrapé Enas

I Danni di questo sono da considerarsi a sé rispetto alla quantificazione dei danni standard (sparo, taglio e contundenti). Hanno una gradazione di gravità che va dal I° grado al III° grado e NON SONO CUMULATIVI.
Ciò significa che se un PG subisce un danno Piros (quindi Piros Enas) sul braccio sinistro, subirne un altro sul medesimo braccio non significa avere 2 danni da Piros sul braccio e quindi automaticamente avere un Piros duo sul braccio, ovvero ustione di II° grado.
Questo tipo di danno innesca il suo decorso a prescindere dai Punti ferita presenti sull’arto colpito.
Per questo il grado di danno inferto non andrà a sottrarre di per sé Punti ferita all’arto, ma innescherà i suoi effetti come descritti nel regolamento.

Questo perché 2 scottature (che non causano nessuna debilitazione dell’arto) non diventano un ustione che rende il braccio inutilizzabile, e questo vale per, 3, 4, 5 Piros.
Il danno resta interpretativo, e all’aumentare di queste “scottature” aumenta l’interpretazione del soggetto dolorante per via delle scottature.

Ciò vale anche per i danni di questo genere di II° e di III° grado.

Il decorrere di questo tipo di danno resta lo stesso, a prescindere da quante volte si riceva.

Ovviamente se il medesimo danno lo si subisce in zone diverse del corpo, per ogni parte di esso si subiscono a pieno gli effetti del danno.

Per esempio:

Se un PG subisce un Piros duo sul braccio, non lo può utilizzare, se poi subisce un Piros tria sulla gamba, va a terra ed oltre a non poterla utilizzare non potrà muoverla, ed inoltre innesca il processo degenerativo del Piros tria (III° grado). E’ anche chiaro, quindi, che se sono in atto due decorsi di danno di III° grado, i loro effetti, che vanno sui punti ferita (vedi regolamento) si cumulano.



SHOCK

I Tempi dello Shock adesso sono fissi, a seconda del range di sanità a cui il PG appartiene. Non devono quindi essere più calcolati come dice il regolamento.

Sono indicati sulla scheda Santias Mentis presente nella Busta del PG.
Il sentimento più forte e più antico dell' animo umano è la paura,
e la paura più grande è quella dell' ignoto


- Howard Phillips Lovecraft -

Rispondi