I' ggasse

Discussioni che riguardano il regolamento

Moderatore: Custodi

Rispondi
Avatar utente
Furio Rombanti
Adepto
Adepto
Messaggi: 154

I' ggasse

Messaggio da Furio Rombanti » lunedì 10 settembre 2012, 16:57

Salve, appurato il nuovo cambio di orientamento riguardo i botti laceracarni, vi sarei grato se aiutaste noi giocatori ignorantazzi a giostrarci nel mondo de i' gasse.

Ho trovato utile comenpunto di riferimento questo sito http://www.exordinanza.net/schede/beretta3435storia.htm
E mi chiedevo se i primi modelli non potessero essere similmente associabili ai primi modelli di questo sito
http://www.armisoftairsanmarino.com/pis ... a-c-7.html

Mi rendo conto delle differenze, ma visto il prezzo mi sembra un ottimo compromesso per chi non vuole spendere e per le pistolette base.

Poi ho visto qualcosa di carino tra le rivoltelle di questo sito http://www.zonamilitare.it/catalogo.asp?scat=3&img=1
Ma non so quanto possano essere filologiche.

Saludos e buone pistolettate nella schiena a tutti
"Velocità! Pura e nuova velocità!"

Enrico Cardetti AKA Furio Rombanti
-Rumorista e pittore futurista

zanna89
Neofita
Neofita
Messaggi: 2

Re: I' ggasse

Messaggio da zanna89 » lunedì 10 settembre 2012, 17:21

in realtà anche se ha un aspetto plasticoso la mauser della pagina linkata è la mauser HSC del 1934, ci potrebbe stare

Avatar utente
-Nemo-
Cultista
Cultista
Messaggi: 281
Località: Lucca
Contatta:

Re: I' ggasse

Messaggio da -Nemo- » martedì 11 settembre 2012, 13:00

Non fatevi grossi problemi per qualcosa che uscirà così raramente dalle tasche del vostro PG. Prendete quel che vi sarà dato a inizio live e va benone così!

Non pensate a quali armi vorreste avere voi, pensate a quali potrebbero avere i vostri PG. Il gioco é ambientato in Italia, il 99% delle armi per uso privato civile sono doppiette da caccia.
Di pistole automatiche (già assai rare di loro), ci sono, come giustamente dice Valerio, le "piccole" Beretta, anche le rivoltelle hanno una certa diffusione (le usano ancora anche tanti nelle forze dell'ordine), ma restando sempre in una nicchia.
Le residuato bellico tipo Glisenti, Luger, Mauser, colt 1911 o simili ce ne sono pochissime in giro e quasi tutte detenute illegalmente perchè armi da guerra e quindi vietatissime.
Ultima modifica di -Nemo- il martedì 11 settembre 2012, 13:36, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Furio Rombanti
Adepto
Adepto
Messaggi: 154

Re: I' ggasse

Messaggio da Furio Rombanti » martedì 11 settembre 2012, 13:24

Utilissimo :) grazie mille
"Velocità! Pura e nuova velocità!"

Enrico Cardetti AKA Furio Rombanti
-Rumorista e pittore futurista

Avatar utente
Trizio
Gran Maestro
Gran Maestro
Messaggi: 2733
Località: Prato
Contatta:

Re: I' ggasse

Messaggio da Trizio » martedì 11 settembre 2012, 15:46

Quoto in peno il D'Urso.
Chiuderemo comunque un occhio sulla storicità delle armi in funzione della loro reperibilità e del loro costo.

La filosofia fondamentelamente sarà: vuoi fare un personaggio che potrebbe portarsi un'arma? ok portati l'arma.
Un detective è possibile che abbia un'arma con se fin dai primi live di campagna (magari nella valigia se va ad un convegno e non alla cintura o nella giacca), un cacciatore o un ex militare non va in giro armato, a meno che i custodi non gli dicano nelle intro: " Ok sei a caccia e senti delle grida...". Per quanto sia più comune un fucile di una pistola, difficilmente un pg inizierà un live con un fucile a tracolla (salvo che la storia lo preveda).

in più considerate questo:
E' possibile che troviate delle armi in gioco. Perciò le vostre armi ci potrebbero servire per mettervi le armi in gioco:
Se vedete un png o custode morto con la vostra pistola in mano, la potete prendere.
Se vedete un png o custode morto con una pistola non vostra, il custode vi dirà cosa potete prendere e i casi sono tendenzialmente 2 o vi darà munizioni di un determinato calibro o vi dirà "prendi questa e appena puoi vieni in stanza custodi che te la cambiamo con la tua".
Stessa cosa per i fucili.
Il sentimento più forte e più antico dell' animo umano è la paura,
e la paura più grande è quella dell' ignoto


- Howard Phillips Lovecraft -

Rispondi