Academy Awards 2010 - Trionfo di The Hurt Locker!

Film, Serie Tv, Serie animate, al cinema e in home video

Moderatore: Custodi

Rispondi
Avatar utente
Trizio
Gran Maestro
Gran Maestro
Messaggi: 2733
Località: Prato
Contatta:

Academy Awards 2010 - Trionfo di The Hurt Locker!

Messaggio da Trizio » lunedì 8 marzo 2010, 11:32

Ecco Nomination e premiati di questa edizione...

Miglior film
The Hurt Locker (The Hurt Locker), regia di Kathryn Bigelow
Avatar (Avatar), regia di James Cameron
The Blind Side (The Blind Side), regia di John Lee Hancock
District 9 (District 9), regia di Neill Blomkamp
An Education (An Education), regia di Lone Scherfig
Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds), regia di Quentin Tarantino
A Serious Man (A Serious Man), regia di Joel ed Ethan Coen
Precious (Precious), regia di Lee Daniels
Up (Up), regia di Pete Docter e Bob Peterson
Tra le nuvole (Up in the Air), regia di Jason Reitman

Miglior regia
Kathryn Bigelow - The Hurt Locker (The Hurt Locker)
James Cameron - Avatar (Avatar)
Jason Reitman - Tra le nuvole (Up in the Air)
Lee Daniels - Precious (Precious: Based on the Novel Push by Sapphire)
Quentin Tarantino - Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds)

Miglior attore protagonista
Jeff Bridges - Crazy Heart (Crazy Heart)
George Clooney - Tra le nuvole (Up in the Air)
Colin Firth - A Single Man (A Single Man)
Morgan Freeman - Invictus - L'invincibile (Invictus)
Jeremy Renner - The Hurt Locker (The Hurt Locker)

Migliore attrice protagonista
Sandra Bullock - The Blind Side (The Blind Side)
Helen Mirren - The Last Station (The Last Station)
Carey Mulligan - An Education (An Education)
Gabourey Sidibe - Precious (Precious: Based on the Novel Push by Sapphire)
Meryl Streep - Julie & Julia (Julie & Julia)

Miglior attore non protagonista
Christoph Waltz - Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds)
Matt Damon - Invictus - L'invincibile (Invictus)
Christopher Plummer - The Last Station (The Last Station)
Woody Harrelson - The Messenger (The Messenger)
Stanley Tucci - Amabili resti (The Lovely Bones)

Migliore attrice non protagonista
Mo'Nique - Precious (Precious: Based on the Novel Push by Sapphire)
Penélope Cruz - Nine (Nine)
Vera Farmiga - Tra le nuvole (Up in the Air)
Maggie Gyllenhaal - Crazy Heart (Crazy Heart)
Anna Kendrick - Tra le nuvole (Up in the Air)

Miglior sceneggiatura originale
Mark Boal - The Hurt Locker (The Hurt Locker)
Quentin Tarantino - Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds)
Alessandro Camon e Oren Moverman - The Messenger (The Messenger)
Joel Coen e Ethan Coen - A Serious Man (A Serious Man)
Pete Docter, Bob Peterson e Tom McCarthy - Up (Up)

Miglior sceneggiatura non originale
Geoffrey Fletcher - Precious (Precious: Based on the Novel Push by Sapphire)
Neill Blomkamp e Terri Tatchell - District 9 (District 9)
Nick Hornby - An Education (An Education)
Jesse Armstrong, Simon Blackwell, Armando Iannucci e Tony Roche - In the Loop (In the Loop)
Jason Reitman e Sheldon Turner - Tra le nuvole (Up in the Air)

Miglior film straniero
El secreto de sus ojos (El secreto de sus ojos), regia di Juan José Campanella (Argentina)
Il canto di Paloma (La teta asustada), regia di Claudia Llosa (Peru)
Ajami (Ajami), regia di Scandar Copti e Yaron Shani (Israele)
Il nastro bianco (Das weiße Band), regia di Michael Haneke (Germania)
Il profeta (A Prophet), regia di Jacques Audiard (Francia)

Miglior film d'animazione
Up (Up), regia di Pete Docter e Bob Peterson
Coraline e la porta magica (Coraline), regia di Henry Selick
Fantastic Mr. Fox (Fantastic Mr. Fox), regia di Wes Anderson
La principessa e il ranocchio (The Princess and the Frog), regia di Ron Clements e John Musker
The Secret of Kells (The Secret of Kells), regia di Tomm Moore e Nora Twomey

Miglior fotografia
Mauro Fiore - Avatar (Avatar)
Bruno Delbonnel - Harry Potter e il principe mezzosangue (Harry Potter and the Half-Blood Prince)
Barry Ackroyd - The Hurt Locker (The Hurt Locker)
Robert Richardson - Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds)
Christian Berger - Il nastro bianco (Das weiße Band)

Miglior montaggio
Chris Innis e Bob Murawski - The Hurt Locker (The Hurt Locker)
James Cameron, John Refoua e Stephen E. Rivkin - Avatar (Avatar)
Julian Clarke - District 9 (District 9)
Sally Menke - Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds)
Joe Klotz - Precious (Precious: Based on the Novel Push by Sapphire)

Miglior scenografia
Rick Carter, Robert Stromberg e Kim Sinclair - Avatar (Avatar)
Dave Warren, Anastasia Masaro e Caroline Smith - Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo (The Imaginarium of Doctor Parnassus)
John Myhre e Gordon Sim - Nine (Nine)
Sarah Greenwood e Katie Spencer - Sherlock Holmes (Sherlock Holmes)
Patrice Vermette e Maggie Grey - The Young Victoria (The Young Victoria)

Migliori costumi
Sandy Powell - The Young Victoria (The Young Victoria)
Janet Patterson - Bright Star (Bright Star)
Catherine Leterrier - Coco avant Chanel - L'amore prima del mito (Coco avant Chanel)
Monique Prudhomme - Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo (The Imaginarium of Doctor Parnassus)
Colleen Atwood - Nine (Nine)

Miglior trucco
Barney Burman, Mindy Hall e Joel Harlow - Star Trek (Star Trek)
Aldo Signoretti e Vittorio Sodano - Il divo (Il divo)
Jon Henry Gordon e Jenny Shircore - The Young Victoria (The Young Victoria)

Migliori effetti speciali
Joe Letteri, Stephen Rosenbaum, Richard Baneham e Andrew R. Jones - Avatar (Avatar)
Roger Guyett, Russell Earl, Paul Kavanagh e Burt Dalton - Star Trek (Star Trek)
Dan Kaufman, Peter Muyzers, Robert Habros, e Matt Aitken - District 9 (District 9)

Migliore colonna sonora
Michael Giacchino - Up (Up)
James Horner - Avatar (Avatar)
Alexandre Desplat - Fantastic Mr. Fox (Fantastic Mr. Fox)
Marco Beltrami e Beck Sanders - The Hurt Locker (The Hurt Locker)
Hans Zimmer - Sherlock Holmes (Sherlock Holmes)

Miglior canzone
The Weary Kind - Crazy Heart (Crazy Heart)
Almost There - La principessa e il ranocchio (The Princess and the Frog)
Down in New Orleans - La principessa e il ranocchio (The Princess and the Frog)
Loin de Paname - Paris 36 (Paris 36)
Take it All - Nine (Nine)

Miglior sonoro
Paul N.J. Ottosson e Ray Beckett - The Hurt Locker (The Hurt Locker)
Christopher Boyes, Gary Summers, Andy Nelson e Tony Johnson - Avatar (Avatar)
Michael Minkler, Tony Lamberti e Mark Ulano - Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds)
Anna Behlmer, Andy Nelson e Peter J. Devlin - Star Trek (Star Trek)
Greg P. Russell, Gary Summers e Geoffrey Patterson - Transformers - La vendetta del caduto (Transformers: Revenge of the Fallen)

Miglior montaggio sonoro
Paul N.J. Ottosson - The Hurt Locker (The Hurt Locker)
Christopher Boyes e Gwendolyn Yates Whittle - Avatar (Avatar)
Wylie Stateman - Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds)
Mark Stoeckinger e Alan Rankin - Star Trek (Star Trek)
Michael Silvers e Tom Myers - Up (Up)

Miglior documentario
The Cove (The Cove), regia di Louie Psihoyos
Burma VJ (Burma VJ), regia di Anders Østergaard e Lise Lense-Møller
Food, Inc. (Food, Inc.), regia di Robert Kenner e Elise Pearlstein
The Most Dangerous Man in America: Daniel Ellsberg and the Pentagon Papers (The Most Dangerous Man in America: Daniel Ellsberg and the Pentagon Papers), regia di Judith Ehrlich e Rick Goldsmith
Which Way Home (Which Way Home), regia di Rebecca Cammisa

Miglior cortometraggio
The New Tenants (The New Tenants), regia di Joachim Back e Tivi Magnusson
The Door (The Door), regia di Juanita Wilson e James Flynn
Instead of Abracadabra (Instead of Abracadabra), regia di Patrik Eklund e Mathias Fjellström
Kavi (Kavi), regia di Gregg Helvey
Miracle Fish (Miracle Fish), regia di Luke Doolan e Drew Bailey

Miglior cortometraggio documentario
Music by Prudence (Music by Prudence), regia di Roger Ross Williams e Elinor Burkett
China’s Unnatural Disaster: The Tears of Sichuan Province (China’s Unnatural Disaster: The Tears of Sichuan Province), regia di Jon Alpert e Matthew O’Neill
The Last Campaign of Governor Booth Gardner (The Last Campaign of Governor Booth Gardner), regia di Daniel Junge e Henry Ansbacher
The Last Truck: Closing of a GM Plant (The Last Truck: Closing of a GM Plant), regia di Steven Bognar e Julia Reichert
Rabbit à la Berlin (Rabbit à la Berlin), regia di Bartek Konopka e Anna Wydra

Miglior cortometraggio d'animazione
Logorama (Logorama), regia di Nicolas Schmerkin
French Roast (French Roast), regia di Fabrice O. Joubert
Granny O'Grimm's Sleeping Beauty (Granny O'Grimm's Sleeping Beauty), regia di Nicky Phelan e Darragh O’Connell
The Lady and the Reaper (La Dama y la Muerte) (The Lady and the Reaper (La Dama y la Muerte)), regia di Javier Recio Gracia
A Matter of Loaf and Death (A Matter of Loaf and Death), regia di Nick Park
Il sentimento più forte e più antico dell' animo umano è la paura,
e la paura più grande è quella dell' ignoto


- Howard Phillips Lovecraft -

Avatar utente
Trizio
Gran Maestro
Gran Maestro
Messaggi: 2733
Località: Prato
Contatta:

Re: Academy Awards 2010 - Trionfo di The Hurt Locker!

Messaggio da Trizio » lunedì 8 marzo 2010, 13:18

Premetto non ho visto ne The Hurt Locker ne UP. Ma credo, così a pelle, che sia stata fatta una campagna anti-Cameron. Gli Awards sono stati testimoni di una battagllia personale e mirata. E' vero che Avatar non sarà questo capolavoro senza tempo (anche se credo che la critica sia stata eccessivamente denigratoria), ma finire per essere premiato con 3 oscar pagliativi che non avrebbero potuto dare ad altri film, mi sembra veramente riduttivo...

Ho pensato a questo: Non se la sono sentita di dare ad UP il miglior film (cacasotto!), per non esporsi troppo a critiche, e hanno deciso di premiare Hurt Locker.
"Se dobbiamo non far vincere Cameron, facciamolo in modo da non riccevere comunque critiche".
A quel punto si da ad UP ciò che sicuramente si merita (almeno dai pareri e dalle recensioni), ma siccome gli si è tolto il miglior film, allora gli diamo anche Miglior colonna sonora, perchè così facendo possiamo togliere un'altro premio ad Avatar per la splendida colonna sonora del maestro James Horner.
Non voglio correre in difesa del Cavaliere del Blockbuster, ma mi sembra che si stia sempre di più premiando a priori il messaggio del Film che non il film in se.
Bisognerebbe stare in guardia. Il politicamente corretto è sempre in agguato. Sarebbe un'ipocrisia negarlo ci sono temi ruffiani che ormai comincano ad avere anche poco di nuovo da racontare. Dall'altra va detto però che neanche Pocahontas Cyberpunk è così innovativo...
C'è un protezionismo contro la volgarizzazione di un certo cinema. Lasciate a Cannes a Venezia e a Berlino questo scopo. Non c'è davvero più spazio per l'ingenuità e la meraviglia? Anche le critiche contro Alice in Wonderland sono eccessive, non solo dai media, ma anche diversi amici che divorano film, come le tasse il fegato, la pensano in questo modo.
Ci vuole forse meno serietà?
Aiutatemi a capire... perchè forse non ci capisco una segaccia di cinema.

(Aggiornerò non appena visto The Hurt Locker)
Il sentimento più forte e più antico dell' animo umano è la paura,
e la paura più grande è quella dell' ignoto


- Howard Phillips Lovecraft -

Avatar utente
Defrel
Admin
Admin
Messaggi: 628
Località: Calenzano

Re: Academy Awards 2010 - Trionfo di The Hurt Locker!

Messaggio da Defrel » martedì 9 marzo 2010, 9:38

Trizio ha scritto:Premetto non ho visto ne The Hurt Locker ne UP. Ma credo, così a pelle, che sia stata fatta una campagna anti-Cameron. Gli Awards sono stati testimoni di una battagllia personale e mirata. E' vero che Avatar non sarà questo capolavoro senza tempo (anche se credo che la critica sia stata eccessivamente denigratoria), ma finire per essere premiato con 3 oscar pagliativi che non avrebbero potuto dare ad altri film, mi sembra veramente riduttivo...
Che Avatar sia un capolavoro o meno è una questione molto spinosa e discussa. Per me almeno lo è, impatto visivo a parte l'ho trovato fiabesco, immenso, appassionante e molto divertente. La trama potrà essere banale quanto vogliono: ma da quando in qua in una fiaba non è scontato il "...e tutti vissero felici e contenti"?.
L'Academy è nota per lo snobbare i film di successo, per quanta qualità questi possano avere. The Hurt Locker è un bel film, io l'ho visto, ma rispetto ad altri tipo Shutter Island è una spanna sotto in molti termini: regia/recitazione/montaggio/fotografia/sceneggiatura...tutte cose per cui avatar (salvo recitazione 8P ) spicca.

Ricordo a voi tutti che Peter Jackson stesso venne snobbato dagli amici del Kodak Theatre quando presentò, a mio parere, il più riuscito dei tre film della trilogia de "Il Signore degli Anelli", ossia "Le Due Torri", in termini di epicità di certe scene e di bellezza.
Il Gollum di Jackson impressionò mezzo mondo, così della spettacolarità della battaglia del fosso di Helm si parlava prima ancora che uscisse il film: era già una scena cult solo per i pettegolezzi e gli spoiler che vi giravano su.

Ribadisco: non vedo in The Hurt Locker un capolavoro, Avatar un occhietto di riguardo lo meritava sia per la spettacolarità del prodotto, capace di legare alla sedia nel vero senso della parola lo spettatore, sia per il senso di meraviglia che ti mette dentro dal primo all'ultimo fotogramma, sia per la grandissima quantità di innovazioni che ha portato nel modo di girare un film di fantascienza, sia perché da adesso in avanti, volenti o nolenti, Avatar sarà il metro di paragone per tutti gli appassionati registi di film di fantascienza, come lo fu Star Wars un tempo.
"Dio è morto, Marx è morto e io non mi sento tanto bene..." - Woody Allen

Avatar utente
Trizio
Gran Maestro
Gran Maestro
Messaggi: 2733
Località: Prato
Contatta:

Re: Academy Awards 2010 - Trionfo di The Hurt Locker!

Messaggio da Trizio » mercoledì 10 marzo 2010, 11:02

Forse non è proprio una risposta ma oggi su my movies scrivono questo. Non è decisamente una rivelazione ma almeno un ammissione di "colpa". Siamo capaci di politicizzare qualsiasi cosa dimenticandoci lo scopo principale dal quale siamo partiti. L'intrattenimento. Continuo a ripetere che dovremmo essere meno "seri", almeno su questo argomento...

da my movies:
___________________________________________

Guerra, politica e gli Oscar

Guerra e cinema politica e cinema: argomenti che mi stanno a cuore, che ho affrontato spesso. The Hurt Locker ha vinto l'Oscar come miglior film e Kathryn Bigelow, che lo ha firmato, ha vinto il premio per la regia. Tutto il movimento del cinema e intorno al cinema ha rilevato che trattasi di riconoscimenti politici. Sono tutti talmente d'accordo che la vicenda, dopo esser diventata evento, ma non è una novità per la notte delle stelle, è diventato assunto. L'assunto è che i grandi riconoscimenti internazionali premiano un'opera non per la sua qualità artistica ma per il cosiddetto "messaggio". Non c'è niente di nuovo naturalmente, da sempre il cinema ha supportato o si è affiancato alla politica. Propaganda. Il nodo sarebbe: è legittimo che sia così? Che un ottimo film venga magari penalizzato a favore di un altro solo discreto ma politicamente attivo, corretto e opportuno?
Naturalmente non c'è una risposta univoca, non c'è una verità. In questa epoca, parlo di civiltà, di cultura, di procedura del contrasto, di relativismo aggressivo, di una verità che non c'è ma ce ne sono sempre (almeno) due, non valgono neppure più le intelligenze portanti che facevano testo. Anche adesso, certo, si fa avanti il leader titolare accreditato di una verità, ma ce n'è subito un altro con una verità opposta, altrettanto leader e accreditato.
Il sentimento più forte e più antico dell' animo umano è la paura,
e la paura più grande è quella dell' ignoto


- Howard Phillips Lovecraft -

Rispondi